La respirazione toracica

La respirazione in Pilates è a livello della cassa toracica. Questo permette di attivare e di tenere attivi i muscoli addominali (soprattutto il muscolo transverso, il muscolo dell’addome profondo, che ha un importantissimo ruolo per la stabilizzazione del bacino).
Potrebbe interessarti: www.my-personaltrainer.it/salute/riabilitazione-pavimento-pelvico

In questo modo si ha una respirazione mirata a creare più spazio nella zona toracica (una vera innovazione di H.J. Pilates), in quanto i muscoli intercostali vengono allungati, si inspira più ossigeno, attraverso l’espirazione forzata i polmoni vengono svuotati fino a raggiungere le più piccole parti, permettendo di esportare scorie e attivando la muscolatura profonda: pavimento pelvico, la fascia trasversale dell’addome, il muscolo multifido, gli obliqui . Questi muscoli formano la cosidetta „Powerhouse“ o centro e vengono attivati durante l’espirazione e rilassati, ma non in maniera totale, durante l’inspirazione. È importante tenere sempre un pochino di contrazione altrimenti la respirazione toracica non riesce.
Provate a immaginare di avere un paio di jeans stretti. Per poterli indossare avete bisogno di contrarre l’addome. La colonna rimane neutrale. Una lunga respirazione aiuta la concentrazione, a focalizzare, ed eseguire i movimenti corretti.